Annunci su Facebook: cosa NON fare per evitare di buttare soldi e tempo. E vivere più felici.

E' forse azzardato accostare la felicità alla creazione di un annuncio Facebook, ma scoprire che il lavoro ed il denaro spesi sono stati buttati al vento abbatterebbe chiunque. Meglio allora prevenire. E scoprire (prima) quattro best practice di Facebook fondamentali per consentirci di NON sprecare soldi e tempo. E vivere un po' più felici.


1. Non sbancatevi con campagne dai costi giornalieri troppo alti



Perché'?

Perché così avrete tempo di aggiustare e casomai bloccare gli annunci che non vanno bene.


Come funziona Facebook?

Funziona così: se impostate una cifra al giorno, quella spende… e a volte anche un po' di più. Ecco perché vi sconsiglierei di far partire una campagna da decina di euro al giorno e poi andarvene in vacanza.


Quindi, cosa fare?

Ovviamente, impostate dei budget più bassi. Il che ha anche un vantaggio intrinseco: se avete come target una nicchia / un pubblico ristretto, con un budget basso la vostra nicchia si esaurirà o si stancherà lentamente e – nel caso ci fosse qualcosa che non va nei tuoi annunci – avrete tutto il tempo per correggere.


2. Non abbiate fretta. E non pubblicizzate subito i vostri post



Perché?

Perché così potete attendere le risposte organiche dei vostri follower (un like qua, uno share là...). E quando, in un secondo momento, sponsorizzerete il vostro post scatterà l'effetto bandwagon.


Come funziona l'effetto bandwagon?

Funziona così: se vedete la coda davanti al ristorante, immediatamente pensate “Lì si deve mangiare bene... andiamoci!”


Quindi, cosa fare?

Aspettate una o due settimane, il tempo di tirare su un po' di engagement organici, dopo di che pubblicizzate il post. Adesso chi vedrà il vostro post sarà più invogliato a cliccare o almeno a leggere, avendo notato che altri l'hanno già apprezzato.


3. Non è una gara di velocità: non create più annunci contemporaneamente



Perché?

Perché così potete aspettare e controllare che Facebook vi approvi il primo annuncio.


Come funziona la creazione degli annunci?

Funziona così: spendete tempo per trovare titolo, copy ed immagine perfetti per un annuncio e poi – giustamente! - iniziate a fare varianti per testare cosa dà risposte migliori: quanti conversioni ho cambiando l'immagine? quante con un titolo diverso? E via così! Una volta che avete elaborato 3-4 annunci basati su alcune varianti, andate su Gestione Inserzione di Facebook, trascrivete, caricate le immagini e cliccate “conferma”... e dopo un'oretta scoprite che Facebook ve li ha cassati tutti (!?!?).


Quindi, cosa fare???

La tentazione è: maledirli! In realtà dovreste prendervela solo con voi stessi. Perché non conoscete una delle best practice più importanti di Facebook Ads: MAI fare copie di un annuncio (anche modificate) se non si è prima ricevuto l'ok per l'annuncio originale. Perché ora la cosa più difficile sarà capire cosa non va.

Se è l'immagine, ok: Facebook ve lo dice e la cambiate. Se invece è qualcosa nel testo... Facebook non vi dice cos'è esattamente che non va nel testo. E quindi vi tocca provare a togliere qualcosa, parola per parola, finché non avrete l'approvazione.

Ecco perché – nel caso non l'aveste ancora intuito – è meglio prevenire tutto questo e fare un solo annuncio per volta.


4. Non drogate la vostra pagina Facebook con like che non vi servono



Perché?

Perché se lo fate, spenderete soldi in cambio di “contatti” inutili. Mentre quel che vi servono sono clienti. Clienti veri. Che interagiscano con voi. E che utilizzino i vostri prodotti e/o servizi.


Come funziona l'acquisizione di like?

Purtroppo, spesso funziona così: molte aziende non hanno la pazienza di vedere i propri numeri aumentare e quindi decidono di ottenere migliaia (decine di migliaia! centinai di migliaia!) di like con annunci clickbaiting che poco hanno a che fare con lo spirito della propria azienda o comprando like a mazzi.


Quindi, cosa fare (invece)?

Fate fatica. Mettete in piedi una campagna di marketing seria (in giro si può rimediare qualche consiglio serio) creando annunci destinati ad un pubblico vero, con esigenze vere. Dovete farlo perché dei follower comprati non solo non ve ne fate niente (nessuno di loro verrà mai a bussare alla vostra porta per chiedervi / comprarvi qualcosa), ma anche perché questi finti like mineranno le vostre campagne Facebook future: non potrete infatti fare campagne targetizzate su un pubblico già acquisito, che vi conosce, che si fida di voi perché l'unico pubblico che avete... è falso!

© 2019 by Deep Marketing Italy

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon